Ricerche in corso...

Ricerche effettuate: 85450
Ricerca personalizzata
Italian Dutch English French German Portuguese Russian Spanish
Statistiche
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi11
mod_vvisit_counterIeri216
mod_vvisit_counterQuesta settimana227
mod_vvisit_counterScorsa settimana1107
mod_vvisit_counterQuesto Mese5325
mod_vvisit_counterScorso Mese6140
mod_vvisit_counterTotale420593

Your IP: 54.162.168.187
In totale abbiamo :
  • 671 Messaggi
  • 162 Argomenti
  • 547 Utenti registrati
Utenti in linea :
Al momento nessuno sta visitando il forum
Benvenuto a adDiiCladri, iscritto il 27 Maggio 2017
    Newsletter


    Nome:

    Email:

    Siti partner - Siti Amici

    Member of International List of Scale Model Related Web Sites

    Timeline dell'Aeroporto di Sciacca
    Federal Standard Color 595b PDF Stampa E-mail
    Scritto da Salvatore   
    Mercoledì 03 Febbraio 2010 00:00
    DiggFacebook
    Federal Standard Color 595b


    Il Federal Standard Color 595b nasce poco prima del inizio della Seconda Guerra Mondiale, insieme alla necessità del governo Americano di uniformare sotto un’unica catalogazione ogni tipo di colore in uso sui mezzi bellici in quel periodo.

    Fu così che a ciascuna tinta venne assegnato un numero di riferimento preciso ed inequivocabile, e tutte le colorazioni furono riunite in speciali mazzette che contenevano 611 codici corrispondenti alle varie sfumature e gradazioni dei colori, suddivisi in strisce tecnicamente chiamate chip, verniciate con il colore stesso in modo da avere un riscontro visivo.
    Del Federal Standard ne esistono due versioni: la A, che nasce nel 1956 e non è più in uso dal 1989, e la B utilizzata tutt’ora non solo come orientamento per le vernici militari, ma oramai diffusa anche per gli usi civili.

    Nel Modellismo il F.S.595b è uno strumento indispensabile perché le colorazioni dei nostri modelli sono spesso indicate con il sistema di classificazione americano. Molto spesso il modellista cerca di riprodurre in scala una realtà storica o contemporanea, di conseguenza dovremo riprodurre pure la loro colorazione che si basa su questa codifica.

    Ogni codice di riferimento è composto da cinque cifre, prenderemo in esame come esempio il 34086.

    Il primo numero indica sempre la brillantezza del colore, divisa in tre livelli:

    • 1 = Lucido
    • 2 = Semilucido
    • 3 = Opaco

    Il secondo numero è identificativo di un gruppo più ampio a cui appartiene il colore:

    • 0 = Marrone
    • 1 = Rosso
    • 2 = Arancio
    • 3 = Giallo
    • 4 = Verde
    • 5 = Blu
    • 6 = Grigio
    • 7 = Vari
    • 8 = Fluorescente

    L'ultima cifra conposta da tre numeri indica se il colore è più chiaro o più scuro, più alto sarà il valore più chiara sarà il colore, viceversa. più basso sarà il valore più scuro sarà il colore.

    Analizzando il codice preso in esame 34086 di

    3 4 086
    Opaco Verde Molto Scuro
     

    Anteprima Colore
     


    In questo caso abbiamo analizzato il colore “Olive Drab”, molto utilizzato in ambito militare.

    Le sigle dei colori non sono tutte sequenziali, questo perché sono stati previsti degli intervalli per poter aggiungere dei nuovi colori in caso di necessità. Possiamo aggiungere che non sempre di un medesimo colore esiste la versione lucida, opaca o semi lucida, perché nell’uso operativo reale la finitura, per esempio, semi lucida non è prevista.
    L'ultima revisione risalente all'11 Gennaio 1994 le tinte sono salite ad un totale di 613.

    Perché il Federal Standar Color nella sua semplicità crea ai modellisti tanti, tanti, tanti guai?
    La risposta non è molto semplice, ma possiamo analizzare i vari motivi di questi grattacapi riguardante la colorazione.

    Prima di tutto nessuno vende il colore Federal Standar, tutte le ditte producomo i colori e poi associano ad un loro codice il codice del F.S.Color, ma se prendiamo due barattolini di due ditte diverse che si riferiscono allo stesso codice F.S.Color si potra notare una leggera differenza, ma questo può succedere anche paragonando due barattolini della stessa ditta ma prodotti a distanza di qualche anno.

    Un altro piccolo problemino, la diluizione del colore, quando andremo a diluire il nostro colore sicuramente varierà la chiarezza del colore, sicuramente ci saranno colori come il nero che non cambieranno mai anche se diluiti. Ma ormai questo problema sta scomparendo grazie all'alta qualità dei pigmenti delle varie ditte.

    Un problema che solamente i modellisti esperti tengono in considerazione, è la scala modellistica rende un colore più scuro più la scala è piccola, lo stesso colore utilizzato per dipingere un aereo in scala 1/72 risulterà più scuro rispetto al modello in scala 1/48.

    Bisogna fare un ultima considerazione, ma qui dobbiamo dividere il settore storico da quello moderno.

    Gli Aerei storici tipo quelli della seconda guerra mondiale, sono aerei operativi, molto spesso sia il giorno che la notte restavano all'aperto e il colore piano piano, tra il sole, le intemperie e la corrosione del tempo, scoloriva o cambiava tonalità del colore.
    Gli Aerei Moderni sono più curati vengono puliti spesso e raramente rimangono all'aperto sotto il sole e alle intemperie. Non vedrete mai un Macchi 339A della PAN con il Blu scolorito.

    Un consiglio personale, considerate il modellismo come un hobby che vi debba far rilassare, non fare impazzire per qualche tonalità più scura o più chiara, l'importante è divertirsi. Poi se state creando un modello per una mostra..... buona fortuna con la vostra colorazione, visto che i giudici controllano il più piccolo particolare.

    Scarica l'informativa completa revisionata in data 11/01/1994.

    Un buon programma il "Tabel Color 2" ideato da me :-) per le corrispondenze dei colori modellistici tra loro e con gli Standar Color.

    Tabel Color 2
    Ultimo aggiornamento Domenica 31 Gennaio 2010 04:14
     Siti web