Ricerche in corso...

Ricerche effettuate: 90465
Ricerca personalizzata
Italian Dutch English French German Portuguese Russian Spanish
Statistiche
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi120
mod_vvisit_counterIeri169
mod_vvisit_counterQuesta settimana1059
mod_vvisit_counterScorsa settimana1533
mod_vvisit_counterQuesto Mese4346
mod_vvisit_counterScorso Mese6058
mod_vvisit_counterTotale450661

Your IP: 54.157.81.13
In totale abbiamo :
  • 671 Messaggi
  • 162 Argomenti
  • 574 Utenti registrati
Utenti in linea :
1 ospite
Benvenuto a okypubop, iscritto il 07 Ottobre 2017
    Newsletter


    Nome:

    Email:

    Siti partner - Siti Amici

    Member of International List of Scale Model Related Web Sites

    Timeline dell'Aeroporto di Sciacca
    Ubicazione Aeroporto di Sciacca PDF Stampa E-mail
    Scritto da Salvatore   
    Giovedì 31 Marzo 2011 16:51
    DiggFacebook
    Ubicazione Aeroporto di Sciacca

    L'aeroporto di Sciacca per la sua particolare ubicazione tra due lunghi strapiombi e per la sua pista non ben definita prese il nome di “Aeroporto Fantasma”, anche per i piloti che conoscevano l'aeroporto atterrare di notte o in condizioni atmosferiche sfavorevoli non era una facile impresa.

    Le sue coordinate geografiche erano 37° 34' 30'' N - 13° 03' 30'' E, ad una altitudine di 300 metri sopra il livello del mare, l'aerea Aeroportuale aveva una forma pressoché triangolare, la pista aveva una lunghezza di circa 1500m.

    Inserendo le coordinate in un navigatore o in Google Earth avrete questa immagine o una cosa simile...


    Si vedono solamente campi e ulivi, se l'Aeroporto di Sciacca prese l'appellativo di Aeroporto Fantasma durante la seconda guerra mondiale con il passare degli anni ha rafforzato la sua caratteristica principale.

    Oggi è impossibile trovare l'Aeroporto di Sciacca solo con coordinate geografiche perché avendo una pista in terra battuta dopo la chiusura dell'aeroporto i terreni sono ritornati ad essere cambi agricoli.

    Per posizionare l'Aeroporto di Sciacca sulla mappa avrei dovuto tirar fuori dalle varie carte e documenti presenti all'Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare a Roma tutti i dati relativi all'Aeroporto. Per fortuna molti di questi dati li aveva tirati fuori Nicola Virgilio che ha iniziato le sue ricerche sull'Aeroporto di Sciacca negli anni '90 e ora pubblicati nel libro “Sciacca 1940-1943 - L'Aeroporto Fantasma - Diario e memorie di guerra”. Ringrazio la famiglia Sacco che quando ho visitato per la prima volta la zona aeroportuale mi hanno fatto fare un giro della zona portadomi nei luoghi dove erano rimaste alcune infrastrutture aeroportuali.

    Nella corografia sottostante ho evidenziato l'area aeroportuale, i confini aeroportuale sono stati presi dalla corografia dello Stato Maggiore della Reggia Aeronautica datata 1938.


    Ho fatto una sovrapposizione sulla mappa attuale del luogo con una fotografia aerea dell'aeroporto di Sciacca tratta dal libro “Sciacca 1940-1943 - L'Aeroporto Fantasma - Diario e memorie di guerra” a pag. 28.


       Orientamento pista:

    • 14° 30'

       I venti predominanti:

    • Nord-Ovest (Maestrale)
    • Sud-Est (Scirocco)

    Le infrastrutture Aeroportuali erano nella parte Sud dell'Aeroporto, furono assemblate molte baracche in legno e montate molte tende sfruttando la vegetazione per mimetizzare le costruzioni.





    Parecchie strutture come il Palazzo Venezia (Comando) il Complesso Case Venezia (Pozzo) furono requisite e ridate alla popolazione dopo la chiusura dell'aeroporto.


    La destinazione d'uso delle case rurali fu molteplice: alloggi degli specialisti e delle truppe, deposito materiali dei reparti di volo, vani tecnici dei servizi aeroportuali ecc..

    Gli ufficiali e i piloti non pernottavano in aeroporto ma alloggiavano nei vari alberghi e case private nella città di Sciacca, all'alba venivano portati all'Aeroporto e tornavano in paese la sera.

    Lungo il lato sud della pista venivano posteggiati gli aerei accanto agli ulivi o tra i muri paraschegge costruiti molto vicino alla vegetazione questo permetteva un ottima mimetizzazione.



    I Piloti riuscivano ad individuare l'aeroporto grazie alle montagne a Nord dell'aeroporto, nella foto sotto potete vedere questo tipico sfondo montuoso dell'aeroporto di Sciacca.


    Sotto invece possiamo vedere in una ricostruzione in 3D del paesaggio dove sono collocate le alture di riferimento per i piloti.

     

    Fonti:
    Faldone sull'Aeroporto di Sciacca 501
    Diario Storico 11ª Brigata - 1940
    Diario Storico 30° Stormo - 1940 - 1941
    "Sciacca 1940-1943 - L'Aeroporto Fantasma - Diario e Memorie di Guerra" di: Nicola Virgilio

    Ringraziamenti:
    Famiglia Sacco - Nicola Virgilio - Stato Maggiore Aeronautica, 5° Reparto, Ufficio Storico

    Ultimo aggiornamento Domenica 29 Aprile 2012 11:32
     Siti web